Assistenza Vita Serena

BADANTI E ASSISTENZA DOMICILIARE

Ambienti domestici per una migliore qualità della vita 2° parte

Lascia un commento

Criteri per la progettazione

e l’adattamento degli ambienti domestici per una migliore qualità della vita delle persone con demenza

2° parte

 

1.1  PERCHE’ ADATTARE L’AMBIENTE?

 

Per individuare criteri di adeguamento/adattamento dell’ambiente alle esigenze specifiche del soggetto demente, sia che viva al proprio domicilio, sia che usufruisca di un servizio semiresidenziale o residenziale, è indispensabile comprendere i deficit di percezione e memorizzazione dell’ambiente di questo malato.

Questo criterio non soltanto orienta le indicazioni esposte in seguito, ma, se adeguatamente recepito, può guidare a modifiche e adeguamenti mirati al bisogno del singolo malato di demenza, qualunque familiare o operatore.


Nel soggetto demente la difficoltà a percepire gli stimoli provenienti dall’ambiente è dovuta all’interagire di più fattori :

 

A) problematiche legate all’invecchiamento in sé (ridotta acuità visiva, minori capacità di adattamento al buio, facilità ai fenomeni di abbagliamento, deficit sensoriali uditivi);

B) problemi specifici legati alla malattia (deficit percettivi dei colori in banda fredda, deficit percettivi di profondità e distanza, ridotta sensibilità al contrasto, deficit interpretativo di stimoli visivi astratti, difficoltà a localizzare e interpretare gli stimoli uditivi);

C) difficoltà a memorizzare i punti di riferimento ambientali e a interiorizzare mappe spaziali (i percorsi, la dislocazione spaziale degli oggetti e degli elementi presenti nell’ambiente);
D) eventuale presenza di patologie organiche concomitanti soprattutto se suscitanti dolore o di alterazioni di alcuni parametri fisiologici (pressione arteriosa,
temperatura, glicemia, elettroliti plasmatici, livello di idratazione) o di deficit sensoriali (ipovisus e ipoacusia).

La situazione risulta ulteriormente complicata da :

1) progressivo peggioramento delle capacità attentive con progressiva difficoltà a concentrare l’attenzione su un solo stimolo quando nell’ambiente si sovrappongono più stimoli (visivi, uditivi, tattili, olfattivi,…) in contemporanea.

Tale situazione, frequentemente presente, determina che ciò che resta delle già scarse capacità attentive del soggetto viene assorbito dalla necessità di interpretare/controllare l’ambiente circostante impedendo in tal modo la disponibilità di sufficienti risorse per acquisire nuove informazioni, adeguare rapidamente l’azione alle richieste ambientali, gestire le risposte emotive in funzione degli stimoli esterni e interni.

2) difficoltà a comprendere la propria collocazione nell’ambiente, dal momento che il progredire della malattia comporta l’alterarsi dello schema corporeo.

Continua…

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...