Assistenza Vita Serena

BADANTI E ASSISTENZA DOMICILIARE

Programma intensivo di esercizio fisico in ambito clinico.

Il programma intensivo di esercizio fisico.
ideato per pazienti malati di demenza  migliora la cura in ambito clinico?

Programma intensivo di esercizio fisico

La riabilitazione dei compiti funzionali di base, come alzarsi da una sedia o camminare, riduce il rischio di caduta, impedisce la perdita di indipendenza e aumenta la qualità della mobilità di vita correlata in pazienti con demenza.
Tucson, Arizona – Uno studio condotto dai ricercatori presso l’ University of Arizona Dipartimento di Chirurgia pubblicato sul Journal of Alzheimer ha mostrato un innovativo programma di esercizio, la misura applicata alla pratica clinica sostanzialmente è la cura migliore per i pazienti affetti da demenza.
Lo studio UA ha combinato resistenza ad alta intensità ed esercizi funzionali con le strategie appositamente studiate per i pazienti con demenza per  promuovere l’esercizio fisico in un ambiente ospedaliero.

Esercizio fisico 3

Il nuovo programma di esercizio è stato attuato in una unità di riabilitazione ospedaliera e confrontata con un programma di riabilitazione usuale di cura.
La riabilitazione dei compiti funzionali di base, come la capacità di elevarsi da una sedia e stare in piedi, è di estrema importanza per ridurre il rischio di caduta, evitare la perdita di indipendenza e di aumentare la qualità della mobilità di vita correlata in pazienti con demenza,” ha detto Michael Schwenk, ricercatore e autore principale del documento. “Tuttavia, c’è stata una mancanza di prove se i pazienti con demenza possono beneficiare di programmi più intensivi di esercizi di riabilitazione.”

Esercizio fisico ed Alzheimer
Oltre ai deficit cognitivi, le persone con demenza hanno un calo di  performance motorie di base, come camminare, durante il corso della malattia.

I deficit motori peggiorano dall’attività fisica ridotta e aumenta il tasso di caduta in questi pazienti, causando un onere aggiuntivo alla disabilità.

Le persone con demenza hanno un rischio tre volte maggiore  di cadere rispetto a quelli senza deficit cognitivo, ha detto il Dr. Schwenk .
I risultati dello studio UA ha mostrato che la maggiore intensità del programma di allenamento su misura , ha notevolmente aumentato i vantaggi di prestazioni funzionali in pazienti con demenza rispetto ai  programmi di riabilitazione tradizionali.

I pazienti che hanno ricevuto la formazione intensiva  hanno  migliorato sostanzialmente le funzioni motorie di base, come la forza muscolare degli arti inferiori, la capacità di trasferimento e l’equilibrio posturale, che sono collegati l’elevato rischio di caduta in questi malati.
“Il miglioramento della forza degli arti inferiori è stato quattro volte maggiore  nel gruppo che ha ricevuto il nuovo programma di formazione rispetto al gruppo che ha ricevuto le solite  cure di riabilitazione “, ha detto il dottor Schwenk.

esercizio-fisico-alzheimer.jpg

“I risultati indicano che nella maggior parte dei degenti geriatrici una formazione medio alta, può essere raggiunta  nonostante  il deficit cognitivo e la compromissione funzionale acuta”.
Diversi studi hanno identificato il deterioramento cognitivo come un predittore negativo per gli esiti funzionali di riabilitazione e che la perdita di memoria, disturbi del linguaggio o la mancanza di motivazione possono essere un ostacolo per una efficace riabilitazione.

Esrcizio fisico e demenza

Il Dr. Schwenk ha detto ai geriatri e ai terapisti di lottare  per questo  tipo di esercizio fisico e con i livelli di intensità appropriati per ogni paziente, e di indirizzare quel poco di orientamento rimasto a questi pazienti  sul programma più adatto a loro,;

“I programmi di esercizi specifici che incorporano strategie per promuovere l’esercizio fisico in pazienti con demenza non sono stati adeguatamente sviluppati”, ha detto.
Lo studio UA fornisce la comprensione importante di come i programmi di esercizio di riabilitazione geriatrica in pazienti con demenza possono essere regolati e resi più efficaci,” ha detto il Dott. Schwenk.

Esercizio fisico

I risultati attuali possono aiutare a stabilire programmi, appositamente studiati,  di esercizi di riabilitazione per i pazienti con demenza e possono fornire una guida per i medici su quali protocolli riabilitativi sono più efficaci.”
Il Dr. Schwenk, che è anche membro della University of Arizona Centro on Aging , ha collaborato allo studio con un team multidisciplinare che comprendeva Bijan Najafi, PhD, MSc, direttore iCAMP; UA professore associato di chirurgia e di ingegneria ; e membro della University of Arizona Center invecchiamento, University of Arizona artrite Centro e University of Arizona Cancer Center ; Jane Mohler, PhD, MSN, NP, iCAMP consulente clinico; direttore associato della University of Arizona Centro su Invecchiamento; e professore associato di medicina con i co-appuntamenti nel UA Collegi di Infermieristica e Farmacia e UA Mel e Enid Zuckerman College of Public Health ; Ilona Dutzi, William Micol e Klaus Hauer, il tutto con il Dipartimento di Ricerca Geriatrica, Bethanien-Hospital/Geriatric Centre presso l’Università di Heidelberg, in Germania; e Stefan Englert, con l’Istituto di Medicina Biometria e Informatica, Università di Heidelberg, in Germania.
Contatto: Jo Marie Barkley
Editors Medical Writers
Giornale del Morbo di Alzheimer
http://iospress.metapress. com/content/v873681063150241

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...