Assistenza Vita Serena

BADANTI E ASSISTENZA DOMICILIARE


Lascia un commento

Ambienti domestici per una migliore qualità della vita 8° parte

Criteri per la progettazione e l’adattamento degli ambienti domestici per una migliore qualità della vita delle persone con demenza

8° Parte

 

Spazi esterni e giardini
Il giardino e gli spazi esterni possono essere fonte di pericolo in quanto possono consentire
l’allontanamento del malato, il suo accidentale ferimento con attrezzi di giardinaggio, favorire le
cadute o l’ingestione di materiali non commestibili. Alcuni suggerimenti per rendere più sicuri
giardino e spazi esterni.
dotare il giardino di recinzione e cancello chiudibile per evitare pericolosi allontanamenti da
casa
non lasciare incustoditi attrezzi da giardinaggio, materiale per il barbecue, tubi per innaffiare,
etc.
verificare se sono presenti piante le cui foglie, fiori o bacche possono essere tossici se ingeriti
eliminare, se possibile, i dislivelli
ricordare che la ghiaia è frequentemente fonte di cadute
verificare che non vi siano tombini aperti
attrezzare, se possibile, una zona in ombra per il riposo
Balconi e terrazze
Il rischio principale di questi spazi è lo scavalcamento del parapetto/ringhiera.
Il suggerimento per ovviare a tale rischio è quello di alzare le ringhiere a circa 160/170 cm. da terra
facendole inoltre risultare aggettanti verso l’interno nella parte superiore.
E’ importante assicurarsi anche che non siano presenti arredi (tavoli, sedie, sgabelli…) che
facilitino lo scavalcamento e piante che possano essere ingerite.
suggerimenti specifici per alcuni infissi
finestre
L’obiettivo principale è di evitarne lo scavalcamento consentendo nel contempo la possibilità di una
adeguata areazione degli ambienti.
Si suggerisce pertanto di:
adottare aperture a vasistas
sostituire le normali maniglie con maniglie a inserto estraibili
chiuderle con catenacci o chiavi e/o munirle di inferriate
allontanare dai pressi delle finestre tutti gli arredi che potrebbero costituire elemento facilitante
lo scavalcamento (sedie, tavoli, poltrone, mensole….).

 

Continua


Lascia un commento

Pensieri negativi ed Alzheimer parte II°

 

Pensieri negativi aumentano il rischio di Alzheimer?

Parte II

 

Tuttavia, non tutti coloro che hanno questa variante del gene avrà  il morbo di Alzheimer, il che suggerisce che altri fattori possono essere coinvolti.

Precedenti ricerche hanno dimostrato che le persone che possiedono questa variante del gene e che soffrono di disturbi psicologici come la depressione sono a un ancora più elevato rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer.
Robert Howard, docente di vecchiaia Psichiatria e Psicopatologia al IoPPN, dice: “I trattamenti che riducono l’RNT esistono, e riteniamo che possano ridurre il rischio di malattia di Alzheimer.

Ulteriori ricerche sono necessarie per verificare questo concetto tuttavia la nostra nuova proposta offre una promettente linea di ricerca scientifica per ridurre il carico sociale pesante rappresentata dal morbo di Alzheimer. “
Dr Natalie Marchant, Docente di vecchiaia Psichiatria IoPPN, King College di Londra, dice: Noi proponiamo che il modo in cui noi pensiamo possa avere un impatto verso il  rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer”.

Se la ricerca futura supporterà questa ipotesi ciò avrebbe implicazioni per il trattamento della malattia attraverso interventi psicologici.
Riferimento Paper: Natalie L. Marchant e Robert J. Howard “Debt cognitivo e malattia di Alzheimer”, pubblicato nel Journal of Alzheimer .
Per ulteriori informazioni, si prega di contattare il dottor Claire Hastings, addetto stampa (IoPPN) claire.hastings@kcl.ac.uk /
0044 207 848 5377 0044 207 848 5377
A proposito di King College di Londra ( http://www.kcl.ac.uk )
King College di Londra è una delle prime 20 università del mondo (2013/14 classifica QS World University) e la quarta più antica in Inghilterra. E ‘The Times Domenica’ Best Università per Graduate occupazione 2012/13 ‘.

Il re ha circa 26.000 studenti (di cui più di 10.600 sono studenti universitari) da circa 140 paesi in tutto il mondo, e più di 7.000 dipendenti.

Il College è nella seconda fase di un programma di £ 1000000000 riqualificazione che sta trasformando la sua tenuta.
Il re ha una reputazione eccezionale per la fornitura l’insegnamento di classe mondiale e all’avanguardia della ricerca. Nel Research Assessment Exercise 2008 per le università britanniche, 23 reparti sono stati classificati nel quartile superiore delle università britanniche; più della metà del nostro lavoro personale accademico nei reparti che sono nella top 10 per cento nel Regno Unito nel loro campo e possono quindi essere classificati come leader mondiale. Il Collegio è tra i primi sette università del Regno Unito per i guadagni di ricerca ed ha un reddito annuo complessivo di circa £ 590.000.000.
Re ha una reputazione particolarmente distinta nel umanistiche, legge, scienze (tra cui una vasta gamma di settori di salute come la psichiatria, la medicina, infermieristica e odontoiatria) e le scienze sociali, tra cui gli affari internazionali.

Essa ha svolto un ruolo importante in molti dei progressi che hanno plasmato la vita moderna, come la scoperta della struttura del DNA e di ricerca che ha portato allo sviluppo di radio, televisione, telefoni cellulari e radar.
King College di Londra e di Guy e St Thomas ‘, College Hospital Re e sud di Londra e Maudsley NHS Foundation Trust sono parte di Health Partners re. Re di Health Partners Academic Health Sciences Centre (AHSC) è una collaborazione globale pionieristica tra una delle più importanti università di ricerca guidato del mondo e tre di maggior successo NHS Foundation Trust di Londra, tra cui principali ospedali di insegnamento e dei servizi di salute mentale completi.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito: http://www.kingshealthpartners.org .
La campagna di raccolta fondi del Re – domande Mondo | risposte Re – creato per affrontare alcune delle sfide più pressanti per l’umanità ha raggiunto il suo obiettivo di 500.000.000 £ 18 mesi prima del previsto.

Il Collegio è ora quello di costruire su questo successo e la crescita di un ulteriore £ 100.000.000 entro la fine del 2015, per finanziare la ricerca fondamentale, offrire nuovi trattamenti innovativi e sostenere borse di studio.

Cinque settori prioritari della campagna sono le neuroscienze e la salute mentale, la leadership e la società, il cancro, il potere globale e la salute dei bambini. Maggiori informazioni sulla campagna sono disponibili all’indirizzo http://www.kcl.ac.uk/kingsanswers .


Lascia un commento

Dimenticanze….parte 3°

Dimenticanze: Sapere quando chiedere aiuto

 

Parte III

Il trattamento per la demenza

Una persona con demenza dovrebbe essere sotto la cura di un medico.

Il medico potrebbe essere un neurologo, medico di famiglia, internista, geriatra o psichiatra.

Lui o lei può trattare problemi fisici e comportamentali del paziente (come l’aggressività, agitazione, o errante) e rispondere alle molte domande che la persona o la famiglia possono avere.
Le persone affette da demenza causata dalla malattia di Alzheimer possono essere trattati con farmaci.

Quattro farmaci sono approvati dalla US Food and Drug Administration per il trattamento di Alzheimer. Donepezil (Aricept ®), rivastigmina (Exelon ®), e galantamina (Razadyne ®) sono usati per trattare da lieve a moderata di Alzheimer (donepezil è stato approvato per il trattamento di una grave malattia di Alzheimer pure).

Memantina (Namenda ®) è usato per trattare da moderata a grave malattia di Alzheimer.

Questi farmaci possono aiutare a mantenere il pensiero, la memoria e le abilità di parlare, e possono ridurre alcuni problemi comportamentali per alcuni mesi ad alcuni anni in alcune persone.

Tuttavia, essi non fermano il progredire della malattia di Alzheimer.

Sono in corso studi per indagare farmaci per rallentare il declino cognitivo e per prevenire lo sviluppo del morbo di Alzheimer.
Le persone con demenza vascolare dovrebbero adottare misure per prevenire ulteriori colpi.

Queste azioni comprendono controllo la pressione alta, il monitoraggio e il trattamento di elevato colesterolo nel sangue e il diabete, e non fumare.

Sono in corso studi per sviluppare farmaci per ridurre la gravità della memoria e pensiero problemi che vengono con demenza vascolare.

Altri studi stanno esaminando gli effetti dei farmaci per alleviare alcuni sintomi di questo tipo di demenza.
I familiari e gli amici possono aiutare le persone nelle prime fasi della demenza di continuare la loro routine quotidiana, le attività fisiche e contatti sociali.

Le persone affette da demenza devono essere tenuti aggiornati sui dettagli della loro vita, come l’ora del giorno, dove vivono, e ciò che sta accadendo a casa o nel mondo.

Aiuti di memoria possono aiutare.

Alcune famiglie trovano che un grande calendario, un elenco di programmi quotidiani, osserva su semplici misure di sicurezza e le indicazioni scritte che descrivono come utilizzare gli oggetti per la casa comune sono ausili utili.

Cosa si può fare

Se sei preoccupato che tu o qualcuno che conosci abbia un problema di memoria grave, parlane con il medico il quale può essere in grado di diagnosticare il problema o ti indirizzerà presso uno specialista in neurologia o psichiatria geriatrica.

Gli operatori sanitari che si specializzano nella malattia di Alzheimer possono  consigliare il modo di gestire il problema o suggerire trattamenti o servizi che potrebbero aiutare.
Sia le  persone con malattia di Alzheimer, MCI, o con una storia familiare di Alzheimer, e le persone sane senza problemi di memoria e nessuna storia familiare di Alzheimer possono partecipare a studi clinici.

La partecipazione a studi clinici è un modo efficace per aiutare nella lotta contro l’Alzheimer.

Per saperne di più su studi clinici, chiamare malattia istruzione di Alzheimer e di rinvio (ADEAR) Centro al numero verde 1-800-438-4380  1-800-438-4380 GRATIS   o visitare il sito ADEAR Center http://www.nia.nih.gov /Alzheimer . Ulteriori informazioni sono disponibili all’indirizzo http://www.ClinicalTrials.gov .1-800-438-4380


Lascia un commento

Dimenticanze…parte II

Dimenticanze: Sapere quando chiedere aiuto

Parte II

Demenza.

Demenza è la perdita del pensiero, della memoria e capacità di ragionamento a tal punto che essa colpisce gravemente la capacità di una persona di svolgere le attività quotidiane.

La demenza non è una malattia in sé ma un gruppo di sintomi causati da alcune malattie o condizioni come il morbo di Alzheimer. Le persone affette da demenza perdono le loro abilità mentali a velocità diverse.
I sintomi possono includere:
 Non Essere in grado di ricordare le cose
• Formulare la stessa domanda o ripetere la stessa storia più e più volte
• Perdersi in luoghi familiari
• Non Essere in grado di seguire le indicazioni
• Essere disorientato sul tempo, la gente, e luoghi
• Trascurare la sicurezza personale, l’igiene e la nutrizione
Due delle forme più comuni di demenza nelle persone anziane sono la malattia di Alzheimer e la demenza vascolare.

Questi tipi di demenza non possono essere curati al momento.
Nella malattia di Alzheimer , si modificano delle  cellule nervose in alcune parti del cervello e come risultatosi ha  la morte di un gran numero di cellule.

I sintomi del morbo di Alzheimer iniziano lentamente e peggiorano costantemente, i danni alle cellule nervose si diffondono  in tutto il cervello.

Col passare del tempo, la dimenticanza lascia il posto a seri problemi con il pensiero, giudizio, riconoscere la famiglia e gli amici, e la capacità di svolgere attività quotidiane come guidare una macchina o di gestire il denaro.

Alla fine, la persona  ha bisogno di cure totali.
Nella demenza vascolare , una serie di colpi o cambiamenti nella fornitura di sangue del cervello porta alla morte del tessuto cerebrale.

I sintomi della demenza vascolare possono variare, ma di solito iniziano improvvisamente, a seconda di dove nel cervello si sono verificati i tratti e quanto gravi fossero.

La memoria della persona, il linguaggio, il ragionamento, e il coordinamento possono essere colpiti, anche l’umore e i cambiamenti di personalità possono subire cambiamenti.
Non è possibile invertire i danni già causati da un ictus, quindi è molto importante per ottenere cure mediche subito se qualcuno ha i segni di un ictus.

E ‘inoltre importante adottare misure per prevenire ulteriori colpi, che peggiorano i sintomi di demenza vascolare.

Alcune persone hanno sia il morbo di Alzheimer che la demenza vascolare.

Mantenere la memoria

Le persone con qualche dimenticanza possono utilizzare una varietà di tecniche che possono aiutarli a rimanere sani e mantenere la loro memoria e le loro capacità mentali.

Ecco alcuni suggerimenti che possono aiutare:
• Attività del Piano:

“fare” delle liste, e utilizzare degli aiuti per la  memoria come le note e calendari.

Alcune persone trovano che si ricordano meglio le cose se mentalmente li collegano ad altre cose significative, come ad esempio un nome familiare, canzone, libro, o show televisivo.
• Sviluppare interessi o hobby:

rimanere coinvolti in attività che possono aiutare sia la mente e il corpo.
• Impegnarsi in attività fisica ed esercizio fisico.

 

Diversi studi hanno associato l’esercizio fisico (come camminare) con una migliore funzione del cervello, anche se sono necessarie ulteriori ricerche per dire con certezza se l’esercizio fisico può aiutare a mantenere la funzione del cervello o prevenire o ritardare i sintomi del morbo di Alzheimer.
• Limitare l’uso di alcol.

Anche se alcuni studi suggeriscono che l’uso moderato di alcol ha effetti benefici per la salute, bere pesante  nel corso del tempo possono causare la perdita di memoria e danni permanenti al cervello.
• Fare attività di esercizio fisico o praticare un hobby, per alleviare i sentimenti di stress, ansia o depressione.

Se questi sentimenti durano a lungo tempo, parlare con il medico.

 

Segue….


Lascia un commento

Dimenticanze….

 

Dimenticanze: Sapere quando chiedere aiuto

parte I

Modifiche della memoria

Il non ricordare può essere una parte normale dell’ invecchiamento.

Dato che le persone invecchiano, i cambiamenti si verificano in tutte le parti del corpo, compreso il cervello.

Come risultato, alcune persone possono notare che ci vuole più tempo per imparare cose nuove, che non ricordano informazioni così come hanno fatto, o si perdono le cose come i bicchieri.

Questi di solito sono segni di dimenticanza lieve, non gravi problemi di memoria.
Alcuni adulti più anziani trovano anche che non fanno così come le persone più giovani nei test di memoria e di apprendimento complessi.

Gli scienziati hanno scoperto, però, che concesso più tempo, le persone anziane sane possono fare così come i giovani fanno su questi test.

Infatti, man mano che invecchiano, gli adulti sani di solito migliorano le aree di abilità mentale, come il vocabolario.

Altre cause di perdita di memoria

Alcuni problemi di memoria sono legati a problemi di salute che possono essere curabili.

Ad esempio, gli effetti collaterali dei farmaci, la vitamina B 12 carenza, alcolismo cronico, tumori o infezioni nel cervello, o coaguli di sangue nel cervello può causare perdita di memoria o forse demenza .
Alcuni disturbi della tiroide, reni, fegato possono anche portare alla perdita di memoria.

Un medico dovrebbe curare gravi patologie come queste il più presto possibile.
Problemi emotivi, come lo stress, l’ansia o depressione, possono rendere una persona più smemorata e tale stato può essere scambiato per demenza.

Per esempio, qualcuno che è andato da poco in pensione o che sta affrontando con la morte di un coniuge, un parente o un amico può sentirsi triste, solo, preoccupato, o annoiato.

Cercando di affrontare questi cambiamenti di vita lascia alcune persone confuse o smemorate.
La confusione e la dimenticanza causata da emozioni di solito sono temporanee e vanno via quando i sentimenti svaniscono.

I problemi emotivi possono essere alleviati da amici e parenti di sostegno, ma se questi sentimenti durano per molto tempo, è importante per ottenere aiuto da un medico o un consulente.

Il trattamento può includere la consulenza, i farmaci, o entrambi.

Problemi di memoria più grave

Per alcune persone anziane, i problemi di memoria sono il segno di un problema serio, come il deterioramento cognitivo lieve o demenza.

Le persone che sono preoccupate per problemi di memoria dovrebbero vedere un medico.

Il medico può effettuare o ordinare una valutazione della salute fisica e mentale approfondito per arrivare ad una diagnosi.

Spesso, queste valutazioni sono condotte da un neurologo, un medico specializzato in problemi legati al cervello e al sistema nervoso centrale.
Un esame medico completo per la perdita di memoria dovrebbe rivedere la storia medica della persona, compreso l’uso di prescrizione di farmaci, dieta, problemi medici del passato, e la salute generale.

Una diagnosi corretta dipende dai dettagli accurati, così oltre a parlare con il paziente, il medico potrebbe chiedere ad un membro della famiglia, caregiver, o un amico per informazioni.
Gli esami del sangue e delle urine possono aiutare il medico a trovare la causa dei problemi di memoria o demenza.

Il medico potrebbe anche fare i test per la perdita di memoria e testare problem-solving e capacità linguistiche della persona. Una tomografia computerizzata (TC) o risonanza magnetica (MRI) del cervello possono aiutare a escludere alcune cause dei problemi di memoria.

 

Amnestic Mild Cognitive Impairment (MCI).

Alcune persone con problemi di memoria hanno una condizione chiamata decadimento cognitivo lieve amnestic, o MCI amnesico.

Le persone con questa condizione hanno più problemi di memoria rispetto al normale per le persone della loro età, ma i loro sintomi non sono così gravi come quelli del morbo di Alzheimer, e sono in grado di svolgere le loro normali attività quotidiane.
Segni di MCI includono riporre spesso male le cose , dimenticando di andare a importanti eventi e appuntamenti, e avendo problemi a trovare le parole desiderate.

La famiglia e gli amici possono notare vuoti di memoria, e la persona con MCI possono preoccuparsi di perdere la propria memoria.

Queste preoccupazioni possono indurre la persona a vedere un medico per la diagnosi.
I ricercatori hanno scoperto che le persone con MCI rispetto a quelli senza, hanno la tendenza a sviluppare il morbo di Alzheimer entro un certo periodo di tempo.

Tuttavia, non tutti coloro che hanno MCI sviluppa l’Alzheimer.

Sono in corso studi per capire perché alcune persone con MCI progrediscono verso l’Alzheimer e altre no.
Attualmente non esiste un trattamento standard per MCI. In genere, il medico dovrà regolarmente monitorare e testare una persona con diagnosi di MCI per rilevare eventuali modifiche di memoria e capacità di pensiero nel tempo.

Non ci sono farmaci approvati per l’uso per MCI.

 

SEGUE

Per saperne di più su studi clinici, chiamare malattia istruzione di Alzheimer e di rinvio (ADEAR) Centro al numero verde 1-800-438-4380

1-800-438-4380 GRATIS   o visitare il sito ADEAR Center http://www.nia.nih.gov /Alzheimer .

Ulteriori informazioni sono disponibili all’indirizzo http://www.ClinicalTrials.gov .1-800-438-4380